I vani ipogei del palazzo si articolano su due livelli. Al livello inferiore, durante i lavori di restauro del palazzo, sono emersi isodomici provenienti dall’antica cinta muraria di età greca, nonché un tratto delle mura reimpostate in epoca bizantina, unitamente ai resti di una torretta.